Info

INFORMAZIONI GENERALI SU STILE

Lo Yari Ashigaru nasce nel 1995 per opera di alcuni maestri fra cui Nino Righini (7° dan).

La nomenclatura dello stile è costituita dall’accostamento di due termini giapponesi:
”Yari”, indicante un tipo di lancia utilizzato dai samurai (che ha il suo riscontro marziale nello stile denominato Sojutsu) ed ”Ashigaru”, che sta ad indicare le truppe belliche contadine (letteralmente ”piede leggero”) utilizzate nell’esercito imperiale giapponese all’epoca medievale.
Con l’unione di queste due parole viene solitamente indicato un elemento militare estremamente versatile, impiegato nella prima linea dell’antico esercito giapponese.

Da qui nasce lo spunto di dare vita ad una nuova arte marziale basata sull’unione di diverse discipline, esattamente come le truppe degli Yari Ashigaru costituivano un insieme di vari stili e vari modi di combattere. Tuttavia, se nell’esercito militare potevano rappresentare un’incognita tale da essere reputati ”sacrificabili”, la concezione che vi è alla base è stata proficuamente elaborata in uno stile efficace atto alla difesa personale dai maestri dell’associazione e da tecnici d’eccellenza.

Lo stile si propone di riunire atleti e maestri di varie discipline, dando vita ad un’arte marziale sempre varia ed estremamente malleabile. Le tecniche sfruttate derivano infatti non solo dal Karate e dalla Thai Boxe, ma anche da altre discipline marziali, creando un insieme di potenza ed esplosività .
Inoltre, grazie ad una integrazione con lo yoga come metodo di adattamento , lo Yari- Ashigaru è praticabile da tutti: adulti, bambini, donne e uomini; esso rappresenta un esercizio marziale profondamente utile per un sano recupero intimistico e filosofico, e per la difesa personale.

PER RIASSUMERE IN POCHE RIGHE

Yari-ashigaru è la sintesi di diverse discipline marziali: è karate, muhai thai, judo, kick boxing, in questa miscellanea trova uno spazio molto importante lo yoga come metodo di preparazione.